Riapre il mercato di Cassano Magnago: buona affluenza ed ambulanti soddisfatti

Questa mattina, 8 Maggio 2020, ha riaperto il mercato scoperto di Cassano Magnago, dove, come da normativa, erano presenti i soli banchi di generi alimentari. L’ingresso contingentato, garantito dal controllo della Polizia Locale, con il supporto della Protezione Civile e dei volontari dell’ANC (Associazione Nazionale Carabinieri), permetteva l’ingresso all’area mercato a 52 persone contemporaneamente, infatti, erano presenti ben 26 banchi; numerosi gli ambulanti del settore ortofrutticolo, presenti anche rosticcerie, pescherie, prodotti caseari e due camion bar.


I primi numeri forniti dall’Amministrazione Comunale sono molto positivi: dalle 800 alle 1000 persone, durante la mattinata, hanno fatto i loro acquisti al mercato, e la coda per l’accesso, pur toccando punte di circa 150 cittadini, è sempre stata fluida, con un’attesa massima di circa 10 minuti.
Per questa “inaugurazione”, dopo il lungo periodo di lockdown, erano presenti anche il Primo Cittadino, Dott. Nicola Poliseno, e l’Assessore alle Attività Economiche, Produttive ed alla Sicurezza, Daniele Mazzucchelli, entrambi soddisfatti per la buona organizzazione e la positiva risposta dei cittadini considerata l’affluenza.

Primo Cittadino, dott. Nicola Poliseno


Il coordinatore della Protezione Civile Comunale, Roberto Saporiti, ha sottolineato: “Sono soddisfatto di questa organizzazione, ma possiamo migliorare – prosegue – forse non avevamo pensato al caldo, ed a breve ci organizzeremo anche con alcuni gazebo per creare zone d’ombra per i volontari, ma soprattutto per i molti anziani che dovranno attendere in coda per l’accesso”. Non sono mancati i ringraziamenti per l’ottimo lavoro svolto da parte del Comune e dai volontari da parte di FIVA (Federazione Italiana Venditori Ambulanti), rappresentata in loco da Emilio De Rosa, e dall’ANVA (Associazione Nazionale Venditori Ambulanti) grazie alla presenza di Carlo Belletta.

Le parole all’Assessore Daniele Mazzucchelli

Il mercato e l’organizzazione

Giustamente non poteva mancare qualche malumore da parte degli ambulanti di generi non alimentari, che, speranzosi di una possibile riapertura totale dei mercati in programma per il 18 di Maggio, fanno presente di dover ricominciare obbligatoriamente a lavorare, altrimenti rischiano la fame. Una proprietaria di un banco di generi per casalinghi dice: “Sono riuscita ad ottenere il sussidio di 600 euro, e ne ho dovuti pagare oltre 700 di tasse senza lavorare per oltre due mesi, come faccio a mantenere la famiglia?”

Gli ambulanti di generi non alimentari chiedono certezze

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...