Covid 19: biodiversità ed equilibri ambientali

Intervista a Giorgio Vacchiano, indicato dalla rivista scientifica “Nature” come uno degli 11 scienziati emergenti nel mondo nel 2018; ricercatore e docente in gestione e pianificazione forestale all’Università statale di Milano.

Diversi studi delle principali organizzazioni intergovernative mondiali, come l’OMS, le Nazioni Unite ed il WWF, hanno dimostrato il forte legame tra le zoonosi e l’ambiente. Oggi il Covid 19, ma già in passato di Ebola, Sars, influenza aviaria e suina, ed anche l’HIV, ci sono state trasmesse dagli animali, a causa del poco rispetto dell’uomo stesso verso l’ambiente.

Esiste un legame tra i regni non animali e le zoonosi?

Il 60% delle malattie emergenti sono zoonosi. Ci vengono trasmesse dagli animali tramite lo spillover, il “salto” di un virus o batterio da una specie all’altra. C’è una forte relazione tra zoonosi e le piante, ma anche un importante legame con il clima. Il virus Ebola, per esempio, si è trasmesso all’uomo, dai pipistrelli, a causa della frammentazione della foresta tropicale; la creazione di strade ha di fatto suddiviso in piccole aree l’habitat a cui erano abituate le specie animali. I pipistrelli hanno così iniziato ad avvicinarsi all’uomo, spostandosi dalla foresta ai parchi urbani. Fino all’anno scorso si parlava anche del virus Zika, veicolato nei paesi tropicali dalle zanzare, a causa del cambiamento climatico e della deforestazione. Un ottimo terreno di proliferazione era stato offerto dalle pozzanghere, create dei mezzi pesanti per compattare il suolo, e dalla luce del sole, che filtrava nelle zone dove venivano abbattute le piante”.

Nel nostro Paese ci sono rischi di interazione di questo tipo? Quali potrebbero essere?

Anche da noi esistono queste interazioni complesse. Un esempio potrebbe essere la batteriosi del Morbo di Lyme, trasmesso dalle zecche. L’aumento numerico degli animali selvatici, soprattutto degli ungulati, a causa del venir meno dei predatori naturali, come lupi ed orsi, ha permesso una notevole diffusione delle zecche portatrici di questo batterio. Curioso il fatto che, una zoonosi a tutti gli effetti, sia in questo caso dovuta all’espansione delle foreste. Le regioni italiane più colpite sono infatti la Liguria ed il Piemonte. Non è l’animale in sé a dar vita alla zoonosi, ma l’interruzione di un equilibrio: tra piante, clima ed animali stessi”.

Diamo uno sguardo alla situazione delle foreste in Italia negli ultimi anni: È in aumento la superficie forestale? Quindi anche la biodiversità?

“La prima carta forestale del 1936, che è appena stata digitalizzata, ci ha permesso di fare il confronto con la situazione attuale. Le foreste sono raddoppiate negli ultimi cent’anni e sono in costante espansione, soprattutto nelle zone montane e collinari, dove i terreni agricoli ed adibiti a pascolo vengono abbandonati per motivazioni economiche e sociali. Ovviamente è aumentata la biodiversità legata all’ambito forestale: come la positiva ricomparsa del lupo che, come predatore di apice, regola l’equilibrio degli erbivori ed a catena anche delle piante e via discorrendo. Per altre specie, invece, la riforestazione ha un impatto negativo: come per insetti e fiori, legati agli spazi aperti, alle radure, ai prati sfalciati delle aree montane. Questi territori tendono ad essere chiusi dalle foreste in espansione. L’Uomo può avere una posizione attiva, e positiva, nel mantenimento di queste aree aperte, consentendo il mantenimento di una maggior biodiversità”.

Carta Forestale del Regno d’Italia 1936 – da Crea Journals

Come si è modificata l’aria che respiriamo durante i mesi di Covid 19?

“Ci sono due situazioni differenti da prendere in considerazione: la qualità dell’aria, come fenomeno locale, e le emissioni di CO2, che determinano il clima del Pianeta. La qualità dell’aria è migliorata, calando le emissioni inquinanti, soprattutto grazie alla riduzione del traffico veicolare, che ha potuto far registrare -50% degli ossidi di azoto sull’intera Pianura Padana e su molte città europee. Le emissioni di CO2 hanno avuto un calo stimato del 10/15%, ma secondo le relazioni di GCP (Global Carbon Project) e ICOS (Integrated Carbon Observation System) siamo tornati al 95% delle emissioni dell’anno scorso; si teme addirittura un rimbalzo: la ripresa economica, necessaria, rischia di farle aumentare esponenzialmente. I prossimi sei mesi saranno una finestra di opportunità per le politiche di lotta al cambiamento climatico. Abbiamo a disposizione finanziamenti che potrebbero dare una svolta al modo in cui facciamo le cose: cambiamenti in tema di mobilità e di produzione di energia pulita”.

Nel caso specifico del Covid 19, quali ripercussioni si posso avere sulla biodiversità globale?

“L’Unione Internazionale per la Conservazione della Natura sta lanciando un allarme per le conseguenze economiche della pandemia. Se noi stiamo affrontando una crisi economica, in maniera ancora più grave saranno colpiti i Paesi in via di sviluppo, che sono i paesi dove esiste ancora la maggior parte della biodiversità. La crisi economica si ripercuoterà direttamente sui fondi, sul tempo e sull’attenzione, destinati alla conservazione della biodiversità, potendo innescare un circolo vizioso: distruzione di ecosistemi, come foreste tropicali e savane, porteranno alla distruzione della biodiversità, alla distruzione di equilibri naturali e sicuramente a nuove zoonosi. In stati come il Kenya, l’Uganda e la Tanzania, la principale fonte di finanziamento dei programmi di conservazione della biodiversità è il turismo ambientale, bloccando ed impedendo i viaggi a causa del Covid 19, si dovranno trovare nuovi metodi di cooperazione“.

L’unica certezza che abbiamo è che uccidendo la biodiversità uccideremo noi stessi. Dobbiamo saper cambiare.

Scopri di più sul ricercatore Giorgio Vacchiano

Fin dalle prime estati che trascorrevo sulle Alpi da bambino, ho imparato a chiamare ‘casa’ i sentieri, le praterie alpine, i boschi di larice e di faggio. E ho scoperto che siamo intimamente connessi con il mondo naturale, anche se spesso non ce ne rendiamo conto, e che ciò che fa bene al pianeta fa bene, se si guarda bene, anche a noi.

Giorgio Vacchiano

Ti è piaciuto l’articolo?

News24.varese.it è completamente gratuito e privo di pubblicità negli articoli grazie alle donazioni degli utenti. Aiutaci a migliorarlo e a mantenerlo libero con una tua donazione.

€2,00

Iscriviti gratuitamente alla newsletter e tieniti sempre aggiornato

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...