Positivi al Covid-19: solo in pochi sono contagiosi

Non tutti i positivi al Cov-Sars-2 sono contagiosi, dipende dalla carica virale.

Dalla metà di agosto è in aumento la curva dei positivi. I media fanno leva sull’allarmismo, trasmettendo continuamente il numero di positivi in costante aumento. Ma facciamo chiarezza sul significato di “positivi” e di “asintomatici”, alla luce del termine “carica virale”.

Cos’è la carica virale?

La carica virale, conosciuta anche come “carico virale” o “titolo virale”, è un’espressione numerica della quantità di virus in un dato volume. Nel caso specifico del Coronavirus, questo numero esprime quante particelle virali siano presenti per ml di fluido corporeo esaminato. Più nel dettaglio, esprime quante copie di Rna virale siano presenti per ogni ml di espettorato o di plasma sanguigno.

Tutti i positivi sono infetti?

Secondo recenti studi, e le dichiarazioni di Giuseppe Remuzzi, direttore dell’Istituto di ricerche farmacologiche Mario Negri Irccs, la risposta è negativa. Secondo lo stesso scienziato, un positivo con carico virale inferiore a 100.000 copie di Rna, non presenta sostanziali rischi di contagio.

Ha dichiarato Remuzzi riguardo lo studio condotto su 133 ricercatori della struttura da lui guidata e su 298 dipendenti della Brembo: “In tutto, 40 casi di tamponi positivi. Ma la positività di questi tamponi emergeva solo con cicli di amplificazione molto alti, tra 34 e 38 cicli, che corrispondono a meno di diecimila copie di Rna virale”.

Quelli che vengono indicati come “nuovi positivi“, (+1.462 al 28 agosto 2020) non sono quindi tutti contagiosi o malati.

Gli asintomatici sono contagiosi?

La paura degli asintomatici, come possibili “untori”, sta dilagando. Importante sottolineare che già nei primi di Giugno, L’Organizzazione Mondiale della Sanità , aveva rilasciato una dichiarazione: “i soggetti positivi e asintomatici hanno meno probabilità di diffondere il contagio del Sars-Cov-2 rispetto a quelli che hanno sviluppato sintomi”.

L’infettivologo Matteo Bassetti, ha sottolineato le 4 categorie esistenti di asintomatici, con le rispettive possibili cariche virali di ogni categoria:

  • gli asintomatici che resteranno tali e che sono portatori sani del virus. Presentano una bassa carica virale e quindi bassa probabilità di contagiare;
  • i pre-sintomatici, ovvero quelli in fase si incubazione, che nel giro di qualche giorno svilupperanno i sintomi. Presentano una più alta carica virale con una conseguente maggiore probabilità di essere contagiosi;
  • i paucisintomatici, ovvero soggetti che presentano sintomi lievissimi e che spesso passano inosservati, con una media carica virale e relativa probabilità di essere contagiosi;
  • i “non più sintomatici”, quelli che sono guariti e che dopo due tamponi negativi tornano ad avere positività. Questi hanno una carica virale bassissima o addirittura nulla, e non sono in grado di trasmettere l’infezione.

L’acceso dibattito tra scienziati

Da un lato si pongono l’Istituto Superiore di Sanità, il Consiglio Superiore di Sanità, ed i principali media, che dichiarano: “il virus c’è ancora e non è meno aggressivo!”.

Dall’altro si schierano i più importanti virologi e scienziati italiani (Alberto Zangrillo, Matteo Bassetti, Arnaldo Caruso, Massimo Clementi, Luciano Gattinoni, Donato Greco, Lucà Lorini, Giorgio Palù, Roberto Rigoldi e Giuseppe Remuzzi), che hanno firmato un breve documento, anti-allarmistico, già due mesi fa’, e riportato in molte testate, nel quale spiegano che i nuovi positivi saranno poco o per nulla contagiosi.

Il testo completo:

“Evidenze cliniche non equivoche da tempo segnalano una marcata riduzione dei casi di Covid-19 con sintomatologia. Il ricorso all’ospedalizzazione per sintomi ascrivibili all’infezione virale è un fenomeno ormai raro e relativo a pazienti asintomatici o paucisintomatici. Le evidenze virologiche, in totale parallelismo, hanno mostrato un costante incremento di casi con bassa o molto bassa carica virale. Sono in corso studi utili a spiegarne la ragione. Al momento la comunità scientifica internazionale si sta interrogando sulla reale capacità di questi soggetti paucisintomatici e asintomatici di trasmettere l’infezione”.

Convivere con il virus

La scienza rimane ancora divisa. I Governi di tutto il mondo mettono in moto strategie differenti: dal lockdown all’immunità di gregge. I media creano allarmismo e sui social crescono gruppi negazionisti.

L’unica strategia vincente potrebbe essere di imparare a convivere con questo virus senza ulteriore terrorismo mediatico e senza negazionismo. L’economia deve ripartire, così come l’istruzione. Smettere di “vivere” per la paura di un virus porterebbe solo all’annichilimento dell’Uomo.

La vita non è aspettare che passi la tempesta, ma imparare a ballare sotto la pioggia.

Mahatma Gandhi

Ti è piaciuto l’articolo?

News24.varese.it è completamente gratuito e privo di pubblicità negli articoli grazie alle donazioni degli utenti. Aiutaci a migliorarlo e a mantenerlo libero con una tua donazione.

€2,00

Iscriviti gratuitamente alla newsletter e tieniti sempre aggiornato

1 commento su “Positivi al Covid-19: solo in pochi sono contagiosi”

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...