Protesta a Varese! Una piazza condivisa tra esponenti di Forza Nuova ed agenti in borghese

Contro le chiusure imposte da Governo e Regione, contro la “dittatura sanitaria” e contro le mascherine, viste come simboli di oppressione. Non esiste un solo ideale di protesta tra i manifestanti che si sono radunati ieri sera, martedì 27 ottobre, in Piazza Monte Grappa a Varese.

In circa 300, se escludiamo gli agenti in borghese, si sono ritrovati intorno alle 21; pochi con la mascherina e senza alcun rispetto del distanziamento sociale. Qualche commerciante, alcuni cittadini, molti tra giovani e giovanissimi appartenenti al mondo della tifoseria da stadio ed ai movimenti di estrema destra.

Per il discorso d’apertura il microfono è stato dato nelle mani di Francesco Tomasella, militante di Forza Nuova e animatore di “Identità Laghee”, un gruppo che si definisce “Circolo culturale tradizionalista e identitario, contro il pensiero unico mondialista e massificante”. Tomasella ha parlato di fronte ad una piazza, che a suo dire, “non si è riunita nel nome del negazionismo del virus, ma contro chi con la paura del virus vuole imporre la dittatura sanitaria”.

Durante la serata di manifestazione, il microfono è passato di mano in mano ai presenti, quali testimoni delle problematiche sociali dovute al Coronavirus: perdita del posto di lavoro, paura del domani e per la privazione delle libertà personali. Non sono ovviamente mancati filo-negazionisti e no-mask, che durante i loro discorsi al microfono hanno minimizzato il pericolo del virus e messo in dubbio l’utilità delle mascherine.

Nessun simbolo di partito, ma dura la contestazione nei confronti di del premier Giuseppe Conte e di Rocco Casalino, contro i quali è stato esposto un grande striscione dal contenuto omofobo.

Lo striscione omofobo contro il Premier Conte e casalino

L’idea degli organizzatori, probabilmente in accordo con gli esponenti dell’estrema destra varesina, era quella di proseguire simbolicamente per qualche minuto, al grido di “libertà!” oltre il coprifuoco previsto per le 23.00, per poi lasciar spazio alle fronde estremiste.

Da Piazza Monte Grappa, occupata ormai da un centinaio di manifestanti, è così partita una pioggia di fumogeni, bottiglie di birra e petardi, accompagnati da alcune bombe carta, in direzione delle Forze dell’Ordine schierate di fronte a Corso Matteotti e Via Marconi.

Alla vista delle Forze dell’Ordine rimaste impassibili nelle loro posizioni, tutti i presenti sono partiti in corteo, attraversando via Veneto e via Morosini, fino a piazzale Kennedy dove hanno preso le loro vetture e si sono dileguati.

Ti è piaciuto l’articolo?

News24.varese.it è completamente gratuito e privo di pubblicità negli articoli grazie alle donazioni degli utenti. Aiutaci a migliorarlo e a mantenerlo libero con una tua donazione.

2.00 €

Iscriviti gratuitamente alla newsletter e tieniti sempre aggiornato

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...