Coronavirus – Attenzione alle truffe telefoniche!

Delinquenti si spacciano telefonicamente per figli o nipoti, spesso di persone anziane, nel tentativo di far sborsare soldi per false cure mediche.

In questi ultimi giorni, segnala la Questura di Varese, si sono verificati diversi tentativi da parte di malintenzionati di raggirare persone anziane, facendo credere loro di dover sborsare ingenti somme di denaro per curare un parente che avrebbe contratto il coronavirus. Si tratta di raggiri che delinquenti senza scrupoli mettono in atto per derubare ed estorcere denaro alle vittime prescelte.

Nella giornata di ieri, numerose richieste di aiuto sono arrivate alla Centrale Operativa della Questura di Varese da parte di cittadini che avevano appena ricevuto telefonate dal contenuto sospetto, alle quali, fortunatamente, non hanno creduto. È capitato, riferisce la Questura, che questi malintenzionati abbiano contattato le loro vittime sulla linea telefonica fissa, spacciandosi per il figlio o nipote, spesso presentandosi anche con il vero nome del congiunto, confondendo il timbro vocale con tosse e pianto, ed abbiano detto di essere risultati positivi al Coronavirus e di avere immediato bisogno di soldi per poter ricevere le cure necessarie.

In questi casi, anche se la vittima in un primo momento non cade nel tranello e riattacca la telefonata, trattandosi di linea telefonica fissa, questa non si interrompe e consente al truffatore che, nel frattempo, è rimasto in linea dall’altra parte, di fingersi, questa volta, operatore delle Forze dell’Ordine e di rispondere alla successiva chiamata della vittima al 112, riuscendo così nell’intento di portare a termine la truffa.

È importante, quindi, in questi casi, chiamare immediatamente il 112 per mettersi in contatto con le forze dell’ordine, ma di farlo possibilmente con un telefono cellulare; evitando quindi di trovarsi a parlare con gli stessi truffatori, ed essere nuovamente raggirati.

Il modus operandi è ormai noto alle Forze dell’Ordine, ma purtroppo trova ancora terreno fertile in categorie di persone vulnerabili, soprattutto negli anziani, che, spesso per paura, finiscono per cedere alle richieste dei truffatori.

È fondamentale condividere queste informazioni con i famigliari, gli amici, o i vicini di casa, e segnalare tempestivamente i casi sospetti alla Polizia.

Ti è piaciuto l’articolo?

News24.varese.it è completamente gratuito e privo di pubblicità negli articoli grazie alle donazioni degli utenti. Aiutaci a migliorarlo e a mantenerlo libero con una tua donazione.

2.00 €

Iscriviti gratuitamente alla newsletter e tieniti sempre aggiornato

#Iorestoacasa, ma loro no: attenzione a truffatori e sciacalli

Già da qualche tempo, sui social network, girano post riguardanti tentativi di truffe e sciacallaggio, messe in atto in questo periodo di pandemia. Ieri, infatti, e stato redatto un comunicato stampa dalla Questura di Varese che conferma ufficialmente ciò che già leggevamo. In particolare, si fa notare la tipologia di truffa segnalata dai sindaci di alcuni comuni della provincia di Varese, e più frequentemente utilizzata; ovvero, come spiegato nel comunicato: “ l’affissione di volantini in condomini, falsamente intestati Ministero dell’Interno – Dipartimento della Pubblica Sicurezza, in cui si invitano i non residenti a lasciare le abitazioni ed i residenti a rendersi disponibili ai controlli delle forze dell’ordine.”
Leopoldo Testa, Vice Questore di Varese, sottolinea e comunica che i controlli da parte delle forze dell’ordine, in relazione al Covid-19, non vengono effettuati porta a porta, ma solamente sulle pubbliche vie, con personale in uniforme del corpo/arma d’appartenenza ed auto di servizio.
Considerato che la delinquenza, seppur vigliaccamente, ne approfitta della difficile situazione sanitaria, si raccomanda ai familiari di persone anziane, o in alternativa a chi si occupa della loro assistenza, di metterli bene in guardia, essendo i più a rischio, rispetto quanto scritto precedentemente , dato che sono solo truffe per poi accedere, con idee di furto e sciacallaggio, alle abitazioni.